fbpx

25 e 26 dicembre, come vengono retribuite?

Natale  e Santo Stefano ovvero il 25 e il 26 dicembre come vengono retribuite in busta paga?

Normalmente il giorno festivo deve essere goduto dal lavoratore che ha il diritto di astenersi dal prestare l’attività lavorativa, ma ha comunque diritto alla maggiorazione. Solo in presenza di precisi accordi scritti, magari gia al momento dell’assunzione inseriti nel contratto di lavoro dovrà essere obbligato a prestare la sua attività lavorativa.

Quest’anno, 2023, sia il giorno di Natale che il giorno di Santo Stefano cadono infrasettimanali e per capire come devono essere retribuite le singole giornate  occorre fare una prima distinzione, e cioè capire se i lavoratori sono pagati in misura fissa oppure sono pagati ad ore.

I primi hanno diritto alla normale retribuzione mensile senza alcuna decurtazione per la festività goduta, mentre i secondi hanno diritto alla normale retribuzione globale di fatto giornaliera compreso ogni accessorio e ragguagliata ad un sesto dell’orario settimanale di lavoro (o 1/5 nel caso di adozione di adozione della settimana corta).

Diversamente per i lavoratori che nelle indicate giornate lavorano, la retribuzione in busta paga varia se al lavoratore viene accordato o meno un giorno di riposo compensativo.

In caso di successivo riposo concesso sul giorno festivo lavorato, al lavoratore spetterà la sola maggiorazione per il lavoro prestato durante la festività così come indicato dal CCNL di appartenenza che varia dal 20% a circa il 30%.

Invece se al lavoratore che svolge la sua prestazione nella giornata festiva del 25 o del 26 dicembre non viene concessa una giornata di riposo compensativo dovrà essere calcolato una maggiorazione per la giornata di lavoro straordinaria festiva. Al contrario, se al dipendente che lavora il 25 o il 26 dicembre non viene riconosciuta una giornata di riposo compensativo gli spetterà il compenso maggiorato per lavoro straordinario festivo.

Lo straordinario festivo prevede una maggiorazione ben più alta del solo festivo, parliamo infatti di una maggiorazione superiore al 50% e fino al 65% della normale paga base.

Infine, i lavoratori che vengono pagati ad ore e prestano l’attività durante le giornate festive riceveranno le quote orarie relative alle ore di lavoro effettuate oltre alla maggiorazione prevista per il lavoro festivo.

Avv. Roberto Amati

Lascia un commento

Su di me

Da oltre 20 anni informo i lavoratori sui loro diritti. Seguimi sui miei canali social.

Oltre 120.000 followers su Facebook, seguimi anche tu

Post recenti

Chiedimi una consulenza

Iscriviti alla newsletter

it_ITItalian