fbpx

Malattia di Colf e badanti. Come viene regolata?

La malattia per Colf e badanti, come viene regolata?

Colf e badanti sono obbligate ad avvertire per tempo il datore di lavoro, ovvero entro l’orario previsto per l’inizio del lavoro, salvo cause di forza maggiore. • La collaboratrice domestica non convivente: dovrà comprovare la malattia con certificato medico rilasciato entro il giorno successivo dall’inizio della malattia. Il certificato dovrà essere consegnato a mano o inviato tramite raccomandata al datore di lavoro entro due giorni dal suo rilascio. • La collaboratrice domestica convivente: non è invece obbligata all’invio del certificato medico, salvo che non sia espressamente richiesto dal datore di lavoro. Rimane l’obbligo del certificato se la malattia interviene durante le ferie o nei periodi in cui il lavoratore non è presente in casa del datore di lavoro. Il Periodo di Comporto Colf e badanti, in caso di assenze per malattia, mantengono il posto di lavoro per i seguenti periodi: Anzianità di servizio Periodo di comporto Inferiore a 6 mesi: 10 giorni Tra i 6 mesi ed i 2 anni: 45 giorni Superiore ai 2 anni: 180 giorni I termini aumentano del 50% in caso di malattia oncologica, documentata dall’ASL competente. Se la collaboratrice supera il periodo di comporto, perde il diritto alla conservazione del posto di lavoro e, il datore di lavoro può procedere al licenziamento per giusta causa. I periodi relativi alla conservazione del posto di lavoro sono da calcolarsi nell’anno solare dall’evento. La Retribuzione I lavoratori domestici non hanno diritto all’indennità di malattia erogata dall’INPS. Il datore di lavoro domestico è tenuto a retribuire il lavoratore malato per un numero massimo di giorni, trascorsi i quali al lavoratore non spetta nulla. Anche in questo caso il numero di giorni retribuiti varia al variare dell’anzianità di servizio all’insorgere dell’evento e viene valutata su base annua. Anzianità di Servizio Giorni retribuiti nell’anno inferiore a 6 mesi: 8 giorni Tra i 6 mesi ed i 2 anni: 10 giorni Superiore ai 2 anni: 15 giorni In tutti i casi, per i primi 3 giorni la retribuzione dovuta è pari al 50%, dal 4° in poi per intero. Al personale domestico che usufruisce normalmente per contratto di vitto ed alloggio, qualora durante la malattia non sia né degente in ospedale né presso il domicilio del datore di lavoro, gli spetterà anche la quota sostitutiva convenzionale di vitto e alloggio. Le assenze non giustificate entro il quinto giorno, ove non si verifichino cause di forza maggiore, sono da considerarsi giusta causa di licenziamento del lavoratore.

Avvocato Roberto Amati

Ti serve una consulenza? Clicca qui

Lascia un commento

Su di me

Da oltre 20 anni informo i lavoratori sui loro diritti. Seguimi sui miei canali social.

Oltre 120.000 followers su Facebook, seguimi anche tu

Post recenti

Chiedimi una consulenza

Iscriviti alla newsletter

it_ITItalian