fbpx

Telecamere in azienda. Come fare?

E’ possibile il controllo a distanze dei lavoratori?

Gia a decorrere dal 1970 ci si era posto il problema delle riprese video sul luogo di lavoro r così nella legge 30/1970 all’articolo 4 veniva espressamente vietato al datore di lavoro di riprendere/sorvegliare i lavoratori con le telecamere.

Dal 1970 però le cose sono cambiate e oggi ci sono parecchie deroghe a questa legge.

In primo luogo diciamo che le telecamere in azienda possono essere installate previo accordo tra il datore di lavoro e le rappresentanze aziendali. Se queste non ci sono, oppure ci sono ma non si raggiunge un accordo sulla installazione il datore di lavoro deve rivolgersi all’Ispettorato del lavoro e ottenere da questo Ufficio l’autorizzazione alla installazione.

A questo punto, se il datore di lavoro ottiene il nulla osta al montaggio delle telecamere può certamente procedere alla installazione.

Ebbene, ma quali luoghi possono essere ripresi dalle telecamere?

Ce lo dice la giusrisprudenza della Corte di cassazione e del Garante della Privacy, secondo cui le video riprese sono consentite solo per la salvaguardia dei beni aziendali e/o a fini di sicurezza. Pertanto non possono mai riprendere spazi comuni come spogliatoi, locale mensa, parcheggio ecc.

Inoltre vige il divieto di puntare le telecamere direttamente sui lavoratori per controllarli sul lavoro. Ad esempio è possibile installare la telecamera puntandola sulla cassa a scopo di prevenzione di comportamenti fraudolenti del lavoratore e lo stesso può essere ripreso ma solo incidentalmente.

La Corte di Cassazione, inoltre, con una sentenza recente ha stabilito che il datore di lavoro può sempre installare le telecamere, di nascosto e senza autorizzazione, qualora abbia il fondato sospetto che qualcuno dei suoi dipendenti stia sottraendo beni aziendali.

In caso di installazione di telecamere senza autorizzazione il datore di lavoro può essere destinatario di una sanzione pecuniaria di Euro 1.549,00 oltre a quanto indicato dal Garante per la violazione della privacy dei lavoratori.

Avv.Roberto Amati

Lascia un commento

Su di me

Da oltre 20 anni informo i lavoratori sui loro diritti. Seguimi sui miei canali social.

Oltre 120.000 followers su Facebook, seguimi anche tu

Post recenti

Chiedimi una consulenza

Iscriviti alla newsletter

it_ITItalian